La voce delle Sorelle Landra

Ci è sempre piaciuto dire la nostra sui miti veri e falsi della cucina

Gli amici del sorriso

 

 

di Margherita e Laura Landra

La bocca è paragonabile a un delicato ecosistema, che ha bisogno di cure attente e continue per mantenere inalterato il suo delicato equilibrio.

Le buone abitudini alimentari si riflettono non solo sullo stato di salute generale, ma anche su quello orale: infatti il legame tra alimentazione e salute dei denti è molto stretto. Una nutrizione scorretta può generare carie ed esporre a patologie gengivali di diversa gravità: mangiamo una media di quattro volte al giorno senza la consapevolezza che ogni pasto, per quanto ridotto, espone la nostra dentatura a ripetute minacce.

Introducendo determinati alimenti in bocca, iniziano a verificarsi cambiamenti al suo interno: i batteri convertono zuccheri e carboidrati provenienti dai cibi in acidi, ed essi attaccano lo smalto dei denti, dando il via al processo di formazione delle carie. Quindi, più spesso si mangia, più spesso si sottopone i denti al ciclo di decadimento.

E’ stato dimostrato che una dieta corretta e bilanciata, permette un risparmio medio di circa 800 euro a famiglia per le spese dentistiche: bastano poche premure per scongiurare il rischio di danni ai nostri denti.

Salute dentale è il termine con cui si indicano tutti gli aspetti della salute e della funzionalità della bocca, e in modo particolare dei denti e delle gengive. La dentatura e le gengive ci permettono di mangiare, parlare, ridere e avere un aspetto gradevole. Devono essere prive di infezioni, che possono causare carie dentaria, infiammazione gengivale, caduta di denti e alito cattivo.

Se le cattive abitudini alimentari sono nemiche dei denti, esistono però cibi gustosi che sono un vero toccasana per la buona salute del nostro sorriso.

Il latte e i suoi derivati per il loro elevato contenuto in calcio proteggono la salute dei denti, la cui struttura è prevalentemente composta proprio da questo minerale. Bisogna avere però l’accortezza di ricorrere allo spazzolino per eliminare eventuali residui di lattosio, uno zucchero che, depositandosi sullo smalto,  alimenta la flora batterica del cavo orale. Il formaggio contiene acido lattico che protegge i denti dal decadimento: la caseina infatti, si aggiunge alla saliva e aderendo allo smalto dei denti diventa una barriera contro l'attacco degli acidi. 

Le verdure a foglia larga come bieta e spinaci e la stessa insalata, stimolano la salivazione che aiuta a pulire la bocca. La carne bianca, il pesce e i legumi sono ricchi di ferro e magnesio utili alla salute di denti e gengive; meglio prediligere i carboidrati integrali perché richiedono una masticazione più lunga rispetto ai prodotti raffinati. Il consumo della carne dovrebbe essere ridotto al massimo a due volte a settimana perché, come la maggior parte dei cibi di origine animale, è altamente acidificante, quindi sbilancia l'equilibrio acido/basico nell'organismo.

Vi siete mai chiesti come mai una nota marca di dentifricio abbia da anni nel suo spot una mela? La frutta croccante e ricca di fibre, come le mele e i frutti di bosco, contengono sostanze antibatteriche capaci di ridurre i depositi di placca dell’80%, ovviamente se assunti senza zucchero. Una mela al giorno non solo toglie il medico di torno ma allontana anche il dentista: acqua e fibre stimolano la produzione di saliva e ciò aiuta a eliminare i residui di cibo tra i denti e a mantenere la bocca più pulita.

Sedano e carote sono uno snack “spezza fame”, particolarmente adatti alla stagione calda perchè idratano e al tempo stesso eliminano la placca, mentre rapanelli, pomodori, crescione e ciliegie contengono fluoro che rinforza lo smalto dentario.  Masticare una carota cruda o strofinarla sui denti aiuta a mantenere un sorriso senza macchie. I broccoli, che contengono un alto tasso di ferro, agiscono come uno spazzolino da denti naturale. Gli ortaggi croccanti sono ricchi di acqua e aiutano la produzione di saliva: la loro croccantezza contribuisce alla pulizia degli spazi interdentali e all'eliminazione dei batteri dalla bocca a prevenendo l'accumulo di batteri e le erosioni da acidi. Le mandorle sono tra i cibi migliori per preservare la salute dei denti, poiché sono ricche di calcio, fosforo, potassio, magnesio e zinco: aiutano a remineralizzare i denti e a proteggerne lo smalto.  

Uno studiocondotto in Gran Bretagna ha dimostrato che chi beve tè verde abitualmente ha una salute orale migliore rispetto agli altri, sono invece bandite bibite gasate e zuccherate e anche le caramelle, meglio masticare dell’uvetta per proteggere i denti: è ricca di zuccheri del tutto naturali e contiene sostanze in grado di aggredire i batteri che provocano la carie.

Le cipolle, che a prima vista non rappresentano l'alimento ideale per mantenere l'alito fresco, se consumate crude, svolgono una potente funzione antibatterica e antimicrobica, prevenendo naturalmente carie e problemi gengivali.

Le fragole non solo sono solo deliziose ma contengono anche acido malico che è un decalcificante naturale che agisce come un detergente aiutando a eliminare i batteri. Ricche di vitamina C e con proprietà astringenti, aiutano ad eliminare eventuali macchie presenti sui denti. I kiwi sono tra i frutti a maggior concentrazione di vitamina C e sono molto meno acidi di agrumi come arance e limoni. Le spremute d'arancia o di pompelmo e limonate, andrebbero bevute con la cannuccia per evitare di rovinare lo smalto dei denti.

Anche un bicchiere di vino rosso a pasto aiuta a tenere in forma il sorriso: i polifenoli di cui è ricco sono i grado di inibire la capacità dei batteri di aderire alla superficie dentale. Proprietà molto preziosa, dal momento che la carie è determinata da un'eccessiva proliferazione dei batteri naturalmente presenti nel cavo.       

Evitate salatini, patatine, salumi&Co.ed eviterete così anche la sedia del dentista!

 

 

Contattaci!